QUALCHE LIQUORINO PER L'INVERNO ?

Oggi niente cibo. Dopo un'estate un po' diciamo 'cicaleggiante' (ho lavorato poco questa estate, meno del solito, sarà l'età che avanza?) sto tornando un po' 'formica' e, prima che mio marito, strappi tutte le 'erbacce'
dal giardino, devo darmi un po' da fare.
Le ' erbacce'  sono tutt'altro che inutili, si tratta di menta, maggiorana, origano, erba luisa o cedrina o limoncina che crescono qua e la  spontaneamente  e, su questo come dargli torto, anche incoltamente.
Oggi vi propongo un digestivo fatto con la limoncina , cosa che preparo tutti gli anni su ricetta della mia consuocera.

67 foglie di limoncina all'apice della crescita (fine luglio, metà agosto). Non chiedetemi il perchè del
     numero 67, non ve lo saprei spiegare.
  1 limone non trattato di cui si preleva la buccia, esclusa la solita parte bianca
     mezzo litro di alcool bianco per liquori
     mezzo litro di acqua
     mezzo kg. di zucchero semolato

Mettere in un contenitore di vetro le foglie di limoncina, pulite con un panno carta umido, e la buccia del limone, coprire con l'alcool, chiudere ermeticamente e conservare al buio per circa 10/15 giorni, sbattendo di tanto in tanto.
Dopo tale periodo noterete che le foglie hanno ceduto all'alcool la loro clorofilla e avrete ricavato un infuso di un bellissimo colore verde.
Preparate lo sciroppo con mezzo Kg. di zucchero e mezzo litro di acqua. Lasciar raffreddare completamente.
Miscelare molto bene lo sciroppo con l'infuso e trasferire in bottiglie di vetro ben pulite.
Coprirete le bottiglie completamente con la carta stagnola, le riporrete in luogo buio e, dopo due mesi,il digestivo si può bere filtrandolo prima poichè attorno al collo della bottiglia si depositerà la clorofilla, di per sè innocua ma un po' antiestetica.
E' ottimo anche come liquore, ha un po' il sapore del Genepy.
Vi pare che non sperimentassi qualcosa?
Vi ricordate le ciliegie sotto spirito?
Bene, un vasetto di ciliegie è stato consumato, ho pensato di non buttare l'alcool utilizzato perchè le ciliegie avrebbero dovuto lasciare il loro sapore nel vasetto.
Ho pensato così di preparare uno sciroppo avente la quantità di acqua uguale a quella dell'alcool e stessa quantità di zucchero, come fatto sopra.
Ho usato lo stesso procedimento.
Ebbene ne è uscito un liquore buonissimo, dolciastro al primo assaggio, che richiama molto il sapore della ciliegia.





Ecco il primo risultato dell'esperimento con l'alcool delle ciliegie e lo sciroppo di zucchero.

Vi dirò poi, dopo la stagionatura, se ha mantenuto le stesse caratteristiche. A presto......

ATTENZIONE! NON GUIDARE DOPO AVER ASSUNTO ALCOOLICI! MI RACCOMANDO!

3 commenti:

  1. Che bei liquirini! Anche al mio di menta si è depositata della clorofilla ed è venuto più giallino, senza che il gusto cambiasse. quindi meglio filtrare!
    Grazie per la ricetta della marmellata ananas, la proverò!

    RispondiElimina
  2. Complimenti e piacere di conoscerti.

    RispondiElimina
  3. Ciao Emma,mi ha fatto molto piacere leggere i tuoi commenti ai miei post.Copia tutto quello che vuoi(come io faccio con te ed altre blogger)e,se fai qualche ricetta mi farà piacere se me lo dirai.
    Buona giornata.

    RispondiElimina